MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietĂ  con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
 24 pagine  (356 risultati)
A sostegno del diritto di sciopero - No ai licenziamenti arbitrari
Redazione 10 febbraio 2023 13:38
Comunicato stampa relativo alla vertenza emiliana tra ADL Cobas e Coop Alleanza 3.0

Veniamo a conoscenza della situazione che si sta verificando in questi giorni, in Emilia Romagna, nell’ambito della vertenza sindacale promossa da ADL Cobas che interessa i magazzini e la logistica di appoggio e rifornimento della Coop Alleanza 3.0. Una vertenza che si svolge da circa un anno, sui temi dell’inquadramento contrattuale, dell’applicazione di tutele generali (riconoscimento economico della malattia e infortunio, ad esempio) ma anche di programmazione del lavoro e degli orari, in particolare, e che ha avuto momenti di interlocuzione e mediazione, con la sottoscrizione di accordi siglati presso la Prefettura di Parma.

Negli ultimi mesi del 2022 e all’inizio dell’anno in corso sono tuttavia iniziati, nei confronti degli aderenti alle iniziative ed all’organizzazione sindacale, procedimenti disciplinari, già sfociati in ben 31 sospensioni cautelari e successive lettere di licenziamento nei confronti di lavoratori del magazzino Kamila (Parma) per “l’astensione dal lavoro” messa in atto in solidarietà con un collega sospeso: vale a dire, in sostanza, per aver scioperato.

Come Giuristi Democratici non possiamo non dirci preoccupati, al di là di ogni valutazione di merito che verrà eventualmente sollecitata dai lavoratori e dalle organizzazioni interessate, da comportamenti aziendali, che purtroppo non risultano isolati, i quali appaiono lesivi di principi fondamentali per la tutela dei lavoratori, qual è indubbiamente il diritto di sciopero e di libera adesione e svolgimento delle attività sindacali. In ogni caso il licenziamento deve restare l’extrema ratio nell’ambito composito dei procedimenti disciplinari. Procedere, quindi, con la sanzione espulsiva avverso un atto di solidarietà ad un lavoratore, appare un gravissimo segnale, da un lato, dell’inasprimento del conflitto sociale determinato anche dallo svilimento delle politiche del welfare; dall’altro, di una insana voglia datoriale di ostentare lo scettro del potere. Guardiamo quindi con attenzione a questa vicenda, auspicandone una soluzione rispettosa dei principi fondamentali del nostro ordinamento, fondato sul giusto riconoscimento della dignità del lavoro e della sua tutela.

 

10 febbraio 2023

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI