MANAGE
CERCA
Per Ilaria Salis, libertĂ -dignitĂ -protezione subito
Redazione 29 maggio 2024 22:54
Lettera aperta alle autoritĂ  governative e diplomatiche a tutela di Ilaria Salis
Appello all'attenzione ed alla mobilitazione, per impedire ogni ulteriore provocazione nei confronti di Ilaria

Lettera aperta alle istituzioni e alle rappresentanze diplomatiche italiane in Ungheria - Invito all’attenzione ed alla mobilitazione a tutela di Ilaria Salis

Apprendiamo oggi che, com’era prevedibile, il luogo “sicuro”, reperito dai familiari e amici con grande difficoltà, perché Ilaria Salis potesse essere posta agli arresti domiciliari in Ungheria e declamato dal Giudice, in pubblica udienza, alla presenza di giornalisti e pubblico, ma anche di una delle persone offese dell’aggressione a cui Ilaria è stata accusata, è ora pubblicato, con dedica speciale, che preannuncia l’offerta “di una cosina gradita” su un sito di estrema destra ungherese. Un effetto prevedibile e previsto, riteniamo, che rende di una gravità inaudita quanto avvenuto in aula d’udienza lo scorso 24 maggio.

L’incolumità di Ilaria Salis è una priorità che tutte e tutti dobbiamo necessariamente mettere all’attenzione pubblica e delle autorità competenti. Quanto è purtroppo già avvenuto e continua a minacciare Ilaria è inaccettabile e richiede un intervento immediato, preciso ed efficiente a tutela di una nostra connazionale già duramente colpita da trattamenti inumani e degradanti statuali ed oggi esposta dalla stessa autorità giudiziaria al pericolo di essere oggetto di altri trattamenti lesivi e degradanti ad opera di militanti neonazisti.

Per questo chiediamo che le nostre autorità provvedano finalmente e tempestivamente in ogni modo possibile a tutelare dignità ed incolumità di Ilaria in Ungheria, nella speranza che possa uscire da questo incubo e da quel paese nel minor tempo possibile, tornando nell’Europa degna di questo nome, perché eletta nel Parlamento Europeo, a cui è stata candidata da Alleanza Verdi Sinistra, e comunque in esecuzione della DECISIONE QUADRO 2009/829/GAI del Consiglio d’Europa per l’applicazione delle misure alternative alla detenzione nel paese d’origine dei cittadini Ue.

Invitiamo tutti e tutte a mobilitarsi e pretendere massima protezione per Ilaria Salis

29 maggio 2024

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI