MANAGE
CERCA
Altro in Immigrazione-Asilo
18 marzo 2023. 7 anni di finanziamenti Ue alla Turchia per bloccare i migranti. Ora basta. I Giuristi Democratici e altre 73 associazioni dicono no
Asilo e migrazione: il processo di esternalizzazione della protezione internazionale e le ricadute sulla normativa nazionale ed europea
Spunti di riflessione per una legge di regolarizzazione degli stranieri irregolari
I G.D. aderiscono all'appello lanciato dall'ASGI "EMERGENZA COVID: ├ł INDISPENSABILE LA REGOLARIZZAZIONE DELLE PERSONE STRANIERE"
Diario da Lampedusa dell'Avv. Nicola Giudice, presente sull'isola nei giorni 27-29 giugno 2019
Hub/Centro Mattei di Bologna, il ministro dell'interno non sa o mente sapendo di mentire?
La chiusura improvvisa dell'Hub / Centro Mattei di Bologna ├Ę ingiustificata e lesiva dei diritti dei richiedenti asilo
Sintesi delle disposizioni della Legge 132/18
ORIZZONTI SCONFINATI - migrazioni/Costituzione/diritti sociali - Venezia, 15.12.'18
Audioregistrazione del convegno "Cambiamenti climatici e migrazioni"
I G.D. sottoscrivono gli appelli all'OSCE contro il clima di odio e le violenze razziste contro migranti e minoranze in Italia e contro la criminalizzazione della solidarietà attuata mediante la campagna diffamatoria nei confronti delle ONG che procedono al salvataggio dei migranti e alla difesa dei diritti umani in genere
Solidariet├á europea: il 28 giugno tutti i Governi facciano la propria parte per lÔÇÖaccoglienza!
Marted├Č 26 giugno Conferenza stampa sulle questioni di costituzionalit├á del Decreto Minniti-Orlando n. 13/17
Lettera aperta di Giuristi Democratici e Asgi ai Presidenti del Tribunale e del C.O.A. di Venezia sul "protocollo immigrazione"
Richiedenti asilo e "protocollo" Tribunale di Venezia: i Giuristi Democratici chiedono il ripristino del pieno diritto di difesa per i rifugiati
 4 pagine  (55 risultati)
18 marzo 2023. 7 anni di finanziamenti Ue alla Turchia per bloccare i migranti. Ora basta. I Giuristi Democratici e altre 73 associazioni dicono no
Redazione 18 marzo 2023 21:33
Il 18 marzo 2023 ricorre il 7┬░ anniversario della Dichiarazione UE-Turchia. Dal 2016, la Turchia riceve finanziamenti per miliardi di euro per svolgere il ruolo di gendarme anti migranti per conto dell'Unione Europea..
La situazione dei migranti trattenuti in Turchia ├Ę peggiorata ulteriormente a seguito del terremoto; gli attacchi razzisti e il mancato soccorso ai richiedenti asilo bloccati in quel paese hanno raggiunto livelli di pericolosit├á inauditi. Chi ci riesce parte, a rischio della vita, come dimostrano le tragedie di questi giorni sulle coste italiane
Basta soldi a Erdogan. Canali umanitari, accoglienza e riconoscimento dei diritti umani e della protezione internazionale per chi fugge da miseria, sfruttamento, guerra e negazione dei diritti basilari

Il 18 marzo 2023 ricorre il 7┬░ anniversario della Dichiarazione UE-Turchia del 2016. Nel 2016, la Turchia ha assunto il ruolo di guardia di frontiera dell'Unione Europea. Ha ricevuto miliardi di euro dall'UE a condizione di trattenere i migranti in Turchia e di riaccogliere quelli che venivano espulsi. La Turchia, tuttavia, non ha esitato a sfruttare questa posizione, usando i migranti come minaccia e, quando necessario, come leva contro l'UE.

 

Il 6 febbraio 2023, a seguito dei terremoti in Turchia, le condizioni di vita dei migranti sono peggiorate. Il crescente razzismo ha portato ad attacchi violenti contro i migranti; per questo motivo, le aree colpite dal terremoto non possono pi├╣ essere considerate sicure per i migranti. Poich├ę le politiche di aiuto hanno escluso i migranti dal sistema di soccorso, questi ultimi hanno difficolt├á ad accedere anche a beni di prima necessit├á come l'acqua potabile o un riparo. I migranti sono stati etichettati come "saccheggiatori" e, secondo quanto riferito, i membri delle comunit├á di lingua araba della regione sono stati oggetto di attacchi razziali da parte della folla. I rappresentanti dello Stato turco usano pubblicamente la retorica anti-migranti e promuovono il sentimento razzista. Inoltre, i migranti che sopravvivono agli attacchi possono essere torturati dalle forze dell'ordine, come riferito da organizzazioni legali e di tutela dei diritti che operano nella regione.

Il terremoto del 6 febbraio ha colpito almeno 10 città della Turchia. Queste città ospitano anche la più alta percentuale di migranti rispetto alla popolazione locale. I migranti, che già costituiscono uno dei settori più vulnerabili della società a causa del loro status socioeconomico, sono tra i soggetti più maltrattati dopo il terremoto. Già dal secondo giorno del terremoto, quando migliaia di persone stavano ancora lottando per sopravvivere intrappolate sotto le macerie, le agenzie governative e i rappresentanti dei partiti politici hanno diffuso notizie false con un'agenda razzista e anti-migranti. Queste notizie minacciavano apertamente i migranti sopravvissuti al terremoto. I rappresentanti dello Stato non solo non hanno preso alcuna precauzione per garantire la sicurezza dei migranti, ma non hanno nemmeno adottato le misure necessarie per trasferirli in altre città. I migranti non possono viaggiare al di fuori delle città in cui sono registrati senza un permesso di viaggio e il mancato rilascio di questi permessi ha lasciato migliaia di persone bloccate all'indomani del disastro. All'inizio di marzo c'erano ancora persone nella zona del terremoto che non riuscivano a trovare una tenda, mentre le temperature notturne scendevano sotto lo zero. Questo fatto rivela che la Turchia ha costantemente evitato di adempiere al suo obbligo di proteggere la popolazione migrante.

 

Dall'altra parte del confine europeo, la Guardia costiera greca e Frontex (l'agenzia dell'UE per la protezione delle frontiere), con bilanci gonfiati che aumentano ulteriormente ogni anno, stanno costruendo le mura della Fortezza Europa, minacciando la vita delle persone e respingendo i migranti in Turchia. In Grecia, le isole vicine alla penisola anatolica sono definite "hotspot", dove si applicano regole procedurali eccezionali. In questo caso, i migranti sono rappresentati come una minaccia per l'esistenza della Grecia stessa. I migranti che riescono a raggiungere queste isole dopo essere sopravvissuti a episodi di respingimento incontrano difficolt├á nell'accesso alla procedura di asilo e all'assistenza sanitaria e sono costretti a vivere in campi che funzionano come prigioni a cielo aperto, lontani dai centri urbani. Le domande di protezione internazionale di molti migranti vengono respinte con la motivazione che la Turchia ├Ę un Paese terzo sicuro, in base alla dichiarazione UE-Turchia, che ha anche trasformato le isole in prigioni a cielo aperto di fatto per le persone che non possono uscire. Inoltre, nei campi di frontiera greci, dalla dichiarazione UE-Turchia a oggi, molte persone hanno perso la vita intrappolate l├Č, senza che lo Stato greco ne rispondesse e senza che la politica migratoria cambiasse. Al contrario, lo Stato greco, con il sostegno (politico e finanziario) dell'UE, sta aprendo nuovi campi. In Grecia, i media e le reti politiche incitano la popolazione contro i migranti, proprio come in Turchia. In Grecia, il governo criminalizza i migranti e le persone che lavorano o sono solidali con loro, avviando assurde indagini penali e condannando persone in processi senza prove. Applicando disposizioni penali sullo spionaggio, il contrabbando e il traffico di esseri umani, la Grecia riproduce ancora una volta il clima di paura gi├á ben consolidato in Turchia attraverso l'ampio uso della legislazione "antiterrorismo".

 

Le organizzazioni sottoscritte dichiarano che le politiche di esternalizzazione dei confini e di trasformazione dei migranti in forza lavoro a basso costo devono essere fermate immediatamente. Siamo contrari all'uso dei migranti come leva nella politica interna e internazionale.

 

Sottolineiamo che le dichiarazioni di esternalizzazione firmate tra l'UE e la Turchia o i Paesi del Nord Africa sono contrarie al diritto internazionale. Queste dichiarazioni di esternalizzazione dovrebbero essere immediatamente revocate, in quanto violano le responsabilità delle parti della Convenzione del 1951 sullo status dei rifugiati.

 

Noi, le organizzazioni sottoscritte, chiediamo:

 

  • la cessazione immediata dell'applicazione della dichiarazione UE-Turchia, come codificata nella legge e nei regolamenti nazionali greci o attraverso accordi internazionali con la Turchia, nonch├ę di tutte le dichiarazioni di esternalizzazione simili con altri Paesi, che sono state attuate con un motivo simile di impedire ai migranti di entrare nell'UE;
  • che la pratica dei respingimenti tra la Turchia e la Grecia, in cui vengono regolarmente violati il diritto alla vita e il divieto di tortura sanciti dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo, venga interrotta e che vengano immediatamente implementati meccanismi di riparazione per i sopravvissuti;
  • che vengano attuate norme che garantiscano il rispetto dei diritti dei migranti, assicurando condizioni di vita dignitose e libert├á di movimento.



Accademici per la pace / Germania (Bar─▒┼č ─░├žin Akademisyenler Almanya)

Adalet ─░├žin Hukuk├žular / Avvocati per la Giustizia

Associazione Agorà Izmir (Turchia)

ASGI - Associazione per gli studi giuridici sull'immigrazione

Associazione Americana dei Giuristi

Associazione per il sostegno reciproco e la solidariet├á con i migranti (G├Â├žmen Yard─▒mla┼čma ve Dayan─▒┼čma Derne─či) (Turchia)

Avukat Dayan─▒┼čmas─▒ / Avvocato solidale

Campagna contro la criminalizzazione delle comunità (CAMPACC)

Centro di Ricerca ed Elaborazione sulla Democrazia/Gruppo di Intervento Giuridico Internazionale (CRED/GIGI)

Associazione per gli studi sullo spazio civico (Sivil Alan Ara┼čt─▒rma Derne─či - T├╝rkiye)

Squadre di pacificatori comunitari (CPT) (Grecia)

Confederazione delle Unioni Alevi Europee (Avrupa Alevi Birlikleri Konfederasyonu)

Confederazione degli avvocati dell'Asia e del Pacifico (COLAP)

Confederazione dei sindacati dei dipendenti pubblici (Kamu Emek├žileri Sendikalar─▒ Konfederasyonu - KESK) (Turchia)

de:border | migration justice collective (Paesi Bassi)

Associazioni democratiche alevite (Demokratik Alevi Dernekleri - DAD) (Turchia)

Associazione degli avvocati democratici del Bangladesh (DLAB)

Demokrasi ─░├žin Hukuk├žular / Avvocati per la democrazia

Giuristi democratici Svizzera

Diotima - Centro per i diritti e l'uguaglianza di genere (Grecia)

Doug Nicholls, Segretario generale, Federazione generale dei sindacati

Avvocati democratici europei (AED)

Avvocati europei per la democrazia e i diritti umani (ELDH)

Centro autonomo di ricerca femminista (FAC)

Fondazione per la societ├á e gli studi giuridici (Toplum ve Hukuk Ara┼čt─▒rmalar─▒ Vakf─▒ - TOHAV) (Turchia)

Giuristi Democratici (Italia)

G├Â├ž Ara┼čt─▒rmalar─▒ Derne─či (Associazione per la ricerca sulle migrazioni - Turchia)

Società Haldane degli avvocati socialisti

Associazione culturale Hubyar Sultan Alevi (Hubyar Sultan Alevi K├╝lt├╝r Derne─či) (Turchia)

Ho dei diritti, Samos (Grecia)

Associazione Internazionale degli Avvocati Democratici (IADL)

Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH)

L'Iran del mondo

Equipaggio Iuventa

─░nsan Haklar─▒ Derne─či - ─░HD (Associazione per i diritti umani) (Turchia)

Kad─▒n Zaman─▒ Derne─či (Associazione Tempo delle Donne / Turchia)

Kad─▒nlar Birlikte G├╝├žl├╝ Platformu - KBG (Piattaforma "Le donne sono pi├╣ forti insieme" - Istanbul) (Turchia)

Kartal hukuk├žular derne─či

La Garriga Società Civile (Catalogna)

Associazione Avvocati per la Libert├á (├ľzg├╝rl├╝k ─░├žin Hukuk├žular Derne─či - ├ľHD) (Turchia)

Centro giuridico di Lesbo (Grecia)

Collettivo di rifugiati LGBTQI+ di Lesbo

MAYA E─čitim K├╝lt├╝r Ara┼čt─▒rma Yard─▒mla┼čma ve Dayan─▒┼čma Derne─či (Associazione Maya per l'Educazione, la Cultura, la Ricerca, la Solidariet├á e la Cooperazione)