MANAGE
CERCA
Altro in Internazionali
ARRESTATE AL CAIRO 11 ATTIVISTE E GIORNALISTE DI FRONTE ALL'UFFICIO DELLE NAZIONI UNITE
La Corte Internazionale di Giustizia: a Gaza il ‚Äúrischio genocidio‚ÄĚ aumenta
33 organizzazioni di giuristi di tutto il mondo, tra cui i G.D., chiedono un intervento urgente per la liberazione di Nasrin Sotoudeh
La prima lettera di Raji Sourani, difensore dei diritti umani a Gaza, dopo il bombardamento che ne ha distrutto l'abitazione
Donna - Vita - Libertà. Un anno di lotte in Iran. Convegno a Padova il 21 settembre
I diritti umani nei Territori palestinesi occupati: intervista a Francesca Albanese, Relatrice speciale ONU
INTERNATIONAL FAIR TRIAL DAY 2023- CITTA' DEL MESSICO- premio EBRU TIMTIK
Spariti due difensori dei diritti umani nelle Filippine: appello alle autorità diplomatiche dei Giuristi Democratici
24 gennaio 2023 - Giornata internazionale dell'avvocato minacciato: focus Afghanistan. Intervista a B. Schiavulli
24 gennaio 2023 - Giornata internazionale dell'avvocato minacciato: focus Afganistan. Intervista a P. Bussi
Firenze, mar. 24.1.'23, ore 15: LA DIFESA DEI DIRITTI UMANI IN PALESTINA
I Diritti Umani attendono. Anche in Palestina
Turchia, basta violazioni del diritto internazionale e dei diritti umani, il governo italiano condanni i bombardamenti
"Il mondo ci guarda" - Dichiarazione della delegazione di osservatori internazionali al processo in Turchia agli avvocati ÇHD e HHB
Gravi e ingiustificati gli attacchi alla relatrice speciale ONU sui Territori palestinesi occupati: si dimetta il presidente della Commissione affari esteri della Camera, on. Fassino
 10 pagine  (147 risultati)
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà al popolo kurdo ezida, in Iraq, per l'attacco subito da parte dell'ISIS
Redazione 5 agosto 2014 11:36

I Giuristi Democratici esprimono la propria solidarietà alla popolazione kurda ezida della regione di Sinjar, in Iraq, vicina al confine siriano, oggetto di un attacco da parte di gruppi facenti capo all'ISIS, ed attualmente in fuga.
Molti appartenenti alla popolazione civile sono stati costretti a convertirsi all'Islam con la minaccia di massacri. Sussiste un forte pericolo di una tragedia umanitaria che deve essere fronteggiato da parte delle Nazioni Unite prestando assistenza ai profughi, ad oggi oltre 200.000.
Gli attacchi dell'ISIS vanno sventati mediante un'azione preventiva da svolgere a livello diplomatico e sostenendo le forze di autodifesa kurde.

Torino, Roma, Napoli, Bologna Padova, 5 agosto 2014

Associazione Nazionale Giuristi Democratici