MANAGE
CERCA
Solidarietà ai lavoratori della FedEx Tnt di Piacenza
Mario Sabatino 11 giugno 2021 16:22
Come Giuristi Democratici esprimiamo solidariet√† ai lavoratori della FedEx Tnt di Piacenza, fatti oggetto, nella notte di ieri, di una brutale aggressione con bastoni e sassi, nel corso di un presidio ai Magazzini della Zampieri di Tavazzano (Lodi), indetto per protestare contro i licenziamenti messi in atto dalla dirigenza. Come denunciato dal sindacato S.I. Cobas, si sarebbe trattato di un vero e proprio agguato organizzato da ‚Äúbodyguard assoldati dai padroni‚ÄĚ, responsabili quindi di un attacco premeditato, la cui gravit√† si palesa ulteriormente nel mancato immediato intervento della polizia, presente a poca distanza. Uno dei quaranta lavoratori in presidio √® stato trasportato in ospedale con un trauma cranico e facciale ed √® attualmente condizioni critiche.

Come Giuristi Democratici esprimiamo solidariet√† ai lavoratori della FedEx Tnt di Piacenza, fatti oggetto, nella notte di ieri, di una brutale aggressione con bastoni e sassi, nel corso di un presidio ai Magazzini della Zampieri di Tavazzano (Lodi), indetto per protestare contro i licenziamenti messi in atto dalla dirigenza. Come denunciato dal sindacato S.I. Cobas, si sarebbe trattato di un vero e proprio agguato organizzato da ‚Äúbodyguard assoldati dai padroni‚ÄĚ, responsabili quindi di un attacco premeditato, la cui gravit√† si palesa ulteriormente nel mancato immediato intervento della polizia, presente a poca distanza. Uno dei quaranta lavoratori in presidio √® stato trasportato in ospedale con un trauma cranico e facciale ed √® attualmente condizioni critiche.

Non possiamo fare a meno di notare come le numerose fotografie e i video pubblicati sui social mostrino numerosi feriti e una situazione allarmante, con persone intente a lanciare bastoni e sassi diretti ai manifestanti, i quali legittimamente esprimevano il proprio dissenso contro politiche societarie contrarie di fatto al lavoro garantito e quindi ai diritti sanciti dalla Costituzione.

Ci preoccupa l‚Äôeventualit√† che azioni del genere - che per modalit√† e intenti appaiono pericolosamente simili alle vigliacche aggressioni fasciste, che a pi√Ļ riprese si sono verificate nella storia d‚ÄôItalia ‚Äď possano passare sotto silenzio, come gi√† accaduto a San Giuliano Milanese, dove un‚Äôaltra aggressione del medesimo tenore si √® verificata appena due settimane fa. Riteniamo, in questo senso, doveroso non solo che la magistratura faccia al pi√Ļ presto chiarezza, ma che la stampa sia da risonanza, nei confronti delle cittadine e¬† dei cittadini, sopra ogni vicenda che indichi un vulnus per la difesa del diritto al dissenso, del diritto allo sciopero e della democrazia.

Ricordiamo, infine, a coloro che sviliscono spesso strumentalmente il carattere antifascista della nostra Costituzione, che il mantenimento effettivo delle libertà conquistate passa attraverso una difesa che deve essere vigile, attiva e di parte; un atteggiamento presuntamente neutrale dimostra al contrario un’aderenza a una mentalità squadrista, del tutto inaccettabile.

 

11 giugno 2021

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI